Il guerriero a Santa Rosa e il suo equipaggiamento


Conosciamo la figura del guerriero terramaricolo attraverso ciò che, principalmente, distingueva il suo status: l'equipaggiamento!

Come già anticipato nell'introduzione di questa rubrica, la scorsa estate, durante la consueta campagna di scavo presso la Terramara Santa Rosa, è avvenuta l'importante scoperta di una punta di lancia in bronzo con immanicatura a cannone che, certamente, doveva costituire un'arma d'offesa.
L'eccezionale ritrovamento tuttavia non rappresenta l'unico strumento d'offesa rinvenuto a Santa Rosa nel corso delle più che trentennali indagini archeologiche: presso il nostro Museo, infatti, è conservata una spada, sulla quale gli archeologi hanno individuato tracce d'impatto e che, per questo motivo, si pensa possa essere stata usata per il combattimento.

Altri oggetti esposti nelle vetrine del Museo e potenzialmente presenti nell'equipaggiamento di un guerriero sono:
  • asce ad alette che tuttavia non possiedono una connotazione esclusivamente bellica, in quanto venivano utilizzate anche per il disboscamento e per la lavorazione del legno
  • diverse tipologie di pugnali 
  • numerose punte di freccia
 

Elementi dell'equipaggiamento del guerrierio terramaricolo,
conservati presso il Museo della Terramara Santa Rosa

 

Ad eccezione delle punte di freccia, prodotte quasi esclusivamente in selce e in osso, tutti gli altri oggetti sono in bronzo: come già raccontato in uno degli episodi della rubrica #ALLASCOPERTADELMUSEO, che potrete trovare sulla pagina Facebook del Museo, durante i più che trentennali scavi presso la Terramara Santa Rosa, sono stati trovati numerosi e preziosi oggetti in bronzo che attestano quanto la metallurgia fosse un'attività strategica nella società terramaricola.

A Santa Rosa, sebbene non siano stati rinvenuti resti di strutture riconducibili all'attività metallurgica, come avvenuto invece presso altre terramare, la produzione di oggetti in metallo è comunque chiaramente attestata, grazie al ritrovamento di abbondanti scarti di lavorazione, resti di fusione, quali lingotti e barre, nonchè strumenti impiegati per la lavorazione stessa. Tutti questi reperti, in particolare, sono stati rinvenuti concentrati nell'area sud-ovest del villaggio.

Un'ultima curiosità: il guerriero terramaricolo disponeva, allo stesso modo dei combattenti centro-europei, del cavallo! Infatti a Poviglio sono stati trovati resti faunistici equini, lo studio dei quali ha permesso di comprendere come il possesso di questo animale fosse un'esclusiva della classe elitaria e come il cavallo fosse diventato, dunque, un vero e proprio status symbol.

 

Cliccate sulle icone in alto a destra per visitare la galleria dedicata a questa rubrica e guardare tutte le immagini!
 

 
Aggiornato: 08/06/20